Atto della Giunta

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 459400  /  2017
Progr. (Nr. / Anno) 325  /  2017
Data seduta 21/12/2017
Data esecutività 21/12/2017
Unità di riferimento Area Personale e Organizzazione - Direzione Generale
Oggetto MODIFICHE ALLO SCHEMA ORGANIZZATIVO DEL COMUNE DI BOLOGNA AI SENSI DELL'ART. 43 DELLO STATUTO COMUNALE


Testo dell'atto

LA GIUNTA


PREMESSO che:

- la strategia e la vision dell’Amministrazione Comunale per i prossimi 5 anni sono indicate nel documento “Idee e Valori per Bologna. Linee programmatiche per il mandato 2016-2021” presentato dal Sindaco al Consiglio Comunale nelle sedute del 19 e 26 settembre 2016 e nel Documento Unico di Programmazione (DUP) 2017-2019 approvato con deliberazione del Consiglio Comunale O.d.G. n. 364 del 22/12/2016 Pg.n. 373159/2016;

- la struttura organizzativa comunale è uno dei più importanti strumenti per la realizzazione degli obiettivi dell'Amministrazione; 

- il processo organizzativo è per sua natura dinamico e volto al miglioramento continuo con adeguamenti progressivi al mutare del sistema dei vincoli normativi e del contesto esterno e/o interno all’ente;

- nel corso degli ultimi anni sono state apportate numerose modifiche alla struttura organizzativa comunale per cercare di rispondere al continuo cambiamento del contesto di riferimento e del quadro normativo, oltre che per fronteggiare la costante riduzione del personale con accorpamenti e razionalizzazioni di strutture per garantire la funzionalità degli uffici e il presidio dei processi organizzativi.

VISTE le proprie deliberazioni:

• PG n. 220834/2016 del 29/06/2016 - con la quale è stata apportata una prima modifica allo schema organizzativo dell’Ente per adeguarlo alle decisioni assunte con la deliberazione di Consiglio Comunale OdG n. 236 del 20/07/2015 PG n. 142311/2015 di previsione dell’istituzione di 6 quartieri cittadini; 

• PG n. 342073/2016 del 18/10/2016 con la quale sono state apportate significative modifiche ad alcune strutture organizzative in funzione e in coerenza con le linee programmatiche di mandato 2016-2021;

• PG n. 89727/2017 del 14/03/2017 con cui sono state apportate modifiche allo schema organizzativo e alle funzioni del Dipartimento Cura e Qualità del Territorio;

• PG n. 200465/2017 del 09/06/2017 con cui sono state apportate modifiche allo schema organizzativo delle Aree Risorse Finanziarie e Programmazione, Controlli e Statistica con una più chiara e funzionale redistribuzione delle funzioni tra le stesse;

• e, da ultimo, PG n. 368984/2017 del 17/10/2017 con cui sono state riallocate le funzioni e le attività relative allo Sport

PRESO ATTO che con l’approvazione della legge 48/2017 è stata esplicitata la centralità del tema della Sicurezza Urbana quale bene pubblico in tutte le sue molteplici dimensioni e che emerge con sempre maggiore forza la necessità di rendere le città e i luoghi di socializzazione più vivibili e protetti e, per tale ragione, è fondamentale che le istituzioni pubbliche, soprattutto a livello locale, operino secondo i principi della Sicurezza Urbana Integrata, vale a dire che l'insieme degli interventi assicurati dai diversi soggetti istituzionali concorrano, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze e responsabilità, alla promozione e all'attuazione di un sistema integrato di di sicurezza urbana con la finalità del benessere delle comunità territoriali.

VALUTATO che, per affrontare e governare i temi descritti, non siano più sufficienti gli strumenti tradizionali di controllo del territorio, ma si renda necessario disporre di una organizzazione articolata e flessibile che sui temi della sicurezza urbana garantisca una costante relazione e un forte coordinamento con tutti i soggetti coinvolti, interni ed esterni all'amministrazione comunale.

DATO ATTO che l’art. 3 del vigente Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi stabilisce che lo schema organizzativo che definisce la macrostruttura dell'Ente si articola su diversi livelli organizzativi e che le strutture apicali si identificano in aree funzionali denominate “Dipartimenti” e “Aree” e che le Aree, in particolare, si qualificano come strutture di staff e si articolano in Unità Intermedie, intese quali strutture organizzative di particolare rilevanza dimensionale e/o funzionale. 

RITENUTO, per le ragioni in precedenza espresse, di istituire all’interno della macrostruttura dell’Ente l'Area Sicurezza Urbana Integrata che comprende le attività tradizionali di polizia locale, le attività di protezione civile e le attività di coordinamento delle strutture dell'amministrazione comunale in materia di Sicurezza Urbana, con particolare riferimento alla promozione della Sicurezza Integrata secondo modelli di prevenzione collaborativa nonché, in modo puntuale, le attività di coordinamento e presidio degli interventi finalizzati alla sicurezza delle manifestazioni pubbliche in termini di safety.

DATO ATTO che l’evoluzione delle strutture organizzative è spesso dettata dal cambiamento del contesto di riferimento e del quadro normativo, oltre che dalla necessità di accorpare e razionalizzare strutture e processi organizzativi per garantire la funzionalità degli uffici e una più efficiente realizzazione degli obiettivi.

VALUTATO necessario ridefinire le funzioni dell’Area Affari Istituzionali, Quartieri e Nuove Cittadinanze con la finalità di aggregare all’interno di un’unica struttura le funzioni e gli interventi in materia di inclusione sociale, di promozione dei diritti, di nuove cittadinanze e di contrasto alle discriminazioni oltre che di coordinare e supportare tutti gli interventi in materia di promozione e facilitazione del rapporto di collaborazione tra cittadini e amministrazione e di fornire supporto ai Quartieri per le attività loro proprie e al Direttore Generale per il loro coordinamento, funzionale ad una efficace, efficiente ed omogenea gestione delle attività comuni.

RITENUTO pertanto di rinominare Area “Nuove Cittadinanze, Inclusione Sociale e Quartieri” l’attuale Area “Affari Istituzionali, Quartieri e Nuove Cittadinanze” per renderla maggiormente aderente alle nuove funzioni assegnate e, contestualmente, di riallocare in altre strutture le attività e funzioni non più coerenti con tali nuove finalità, con particolare riferimento all’attività di supporto alle strutture per la semplificazione delle procedure amministrative e alla gestione e aggiornamento del sistema dei procedimenti amministrativi alla struttura di staff al Segretario Generale "Atti Normativi e Controlli Amministrativi" e l'Ufficio per le Relazioni con il Pubblico di Piazza Maggiore al Quartiere Porto-Saragozza per competenza territoriale. 

VALUTATO che le suddette proposte di modifica dello schema organizzativo sono coerenti con gli obiettivi e i progetti del mandato amministrativo e ritenuto, pertanto, di accoglierle.

DATO ATTO che dei contenuti del presente provvedimento è data comunicazione alle OO.SS. e alla RSU aziendale;

DATO ATTO inoltre che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

PRESO ATTO, infine, ai sensi dell’art. 49, comma 1, del D. Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L n. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile dell'Area Personale e Organizzazione e dal Direttore Generale e della dichiarazione del Responsabile dell' Area Risorse Finanziarie che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

Su proposta del Direttore Generale e dell' Area Personale e Organizzazione 

A voti unanimi e palesi;


DELIBERA

1. DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 43 dello Statuto, per le ragioni espresse in premessa, le modifiche allo schema organizzativo del Comune di Bologna come definite negli allegati A e B, parti integranti e sostanziali del presente provvedimento.

2. DI DARE MANDATO ai Direttori interessati di approvare, in conseguenza delle decisioni assunte con la presente deliberazione, le necessarie modifiche alla organizzazione interna delle loro strutture per consentire la piena operatività delle stesse con decorrenza 1 febbraio 2018.

3. DI RISERVARSI ogni ulteriore adeguamento dello schema organizzativo dell’Ente e delle funzioni della macrostruttura qualora ritenuto necessario, anche in conseguenza della ricognizione e mappatura dei processi aziendali finalizzata ad una loro verifica di funzionalità oltre che al miglioramento continuo e all'innovazione organizzativa.

 Infine, con votazione separata, all’unanimità


DELIBERA

 DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134, comma 4, del D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267.




Documenti allegati - parte integrante

File Name
All A_organigramma_delibera_PG n 459400_2017.pdf
All B_funzionigramma_delibera_PG n 459400_2017.pdf