Atto del Consiglio

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 217679  /  2017
O.d.g. (Nr. / Anno) 303  /  2017
Data seduta 31/07/2017
Data esecutività 12/08/2017
Unità di riferimento Area Risorse Finanziarie
Oggetto APPROVAZIONE DI MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO, APPROVATO CON DELIBERAZIONE PG.N.1675/2012 E SS.MM.II. VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2017-2019


Testo dell'atto

Capofila PG.N.1675/2012


La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione:
IL CONSIGLIO

Richiamato il vigente regolamento che istituisce e disciplina l'imposta di soggiorno, approvato con deliberazione PG n. 1675/2012 e successive modificazioni;

Rilevato che la sperimentazione dell'imposta (entrata in vigore dal 01/09/2012) continua ad evidenziare -com'era immaginabile- la necessità di adeguare l'attuale disciplina regolamentare per semplificare la gestione del tributo e chiarirne le modalità applicative alla luce della concreta casistica;

Considerato che il decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con legge 21 giugno 2017, n. 96:
- all'art.4 ha disciplinato il regime fiscale delle locazioni brevi di immobili ad uso abitativo, intendendo per tali i contratti di durata non superiore a 30 giorni, ivi inclusi quelli che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali, stipulati da persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività d'impresa, direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online;
- al comma 5 ter dell'art. 4 ha disposto che "il soggetto che incassa il canone o il corrispettivo, ovvero che interviene nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi, è responsabile del pagamento dell'imposta di soggiorno di cui all'art. 4 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23". Tale disposizione fa riferimento a tutte le fattispecie assoggettate all'imposta di soggiorno e si applica, indistintamente, a tutti i soggetti che incassano i canoni o corrispettivi, gestori di strutture o intermediari immobiliari o soggetti che gestiscono portali telematici, indipendentemente dalle diverse caratteristiche del rapporto con gli ospiti;
- al comma 5 bis dell'art. 4 ha disposto che "i soggetti non residenti riconosciuti privi di stabile organizzazione in Italia, ai fini dell'adempimento degli obblighi derivanti dal presente articolo, in qualità di responsabili d'imposta, nominano un rappresentante fiscale individuato tra i soggetti indicati nell'art. 23 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600". Pertanto la figura del rappresentante fiscale rileva anche ai fini della responsabilità del pagamento dell'imposta di soggiorno;
- al comma 7 dell'art. 4 ha disposto che a decorrere dall'anno 2017 gli enti hanno la facoltà di applicare l'imposta di soggiorno di cui all'art. 4 del D.Lgs. 14 marzo 2011 e possono, istituire o rimodulare l'imposta di soggiorno in deroga all'art. 1 comma 169 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nonchè in deroga all'art. 1, comma 26, della legge 28 dicembre 2015, n. 208;

Dato atto della necessità di integrare il regolamento in oggetto per dare operatività alle suddette novità legislative;

Ritenuto, pertanto, opportuno modificare il regolamento in oggetto apportando le modifiche di cui all'allegato A, che forma parte integrante e sostanziale del presente atto. In particolare, vengono apportate le seguenti modifiche/integrazioni:
  • viene modificato l'art. 2 per chiarire che l'imposta di soggiorno si applica anche alla nuova ipotesi contrattuale, introdotta con l'art. 4 del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, nell'ambito della locazione (cosiddetta "locazione breve");
  • viene introdotto il nuovo comma 2 ter all'art. 3 per applicare, in via sperimentale solo sui canoni o corrispettivi del soggiorno, incassati direttamente dai soggetti che gestiscono portali telematici o intermediari immobiliari, la tariffa in misura percentuale sul costo della camera o appartamento con il limite massimo, previsto per legge, di 5 euro a persona per notte di soggiorno. Tale sperimentazione è finalizzata a verificare la possibilità di estendere con decorrenza 01 gennaio 2018, previa consultazione del tavolo tecnico di cui all'art. 9 del Regolamento, l'applicazione della tariffa in misura percentuale a tutte le fattispecie assoggettate all'imposta di soggiorno;
  • viene modificato l'art. 5 e viene introdotto il nuovo art.5 bis in materia di obblighi e responsabilità dei soggetti di cui all'art.4 comma 5 ter decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, così come modificato in sede di conversione, in considerazione della loro qualifica di "responsabili del pagamento" dell'imposta di soggiorno, con la precisazione che tutti i soggetti che incassano i canoni o corrispettivi del soggiorno (gestori di strutture ricettive o intermediari immobiliari o soggetti che gestiscono portali telematici) sono responsabili del pagamento dell'imposta ed, in considerazione di tale qualifica, sono soggetti anch'essi alla sanzione di cui all'art.13 D.Lgs.471/97 in caso di omesso, parziale o tardivo riversamento dell'Imposta di soggiorno alle scadenze appositamente regolamentate;
  • vengono modificati gli articoli 1, 6, 6 bis e 8 per renderli applicabili anche a tutti i soggetti di cui al nuovo articolo 5 bis;
Dato atto che, ad avvenuta esecutività della presente delibera, seguirà anche il necessario adeguamento delle attuali disposizioni in materia di tariffe con apposita delibera di Giunta per dare esecuzione alla disposizione di cui al nuovo comma 2 ter dell'art. 3 del Regolamento;

Visti:
  • gli articoli 52 del D.Lgs.446/97 e art.7 del D.Lgs.267/2000 in tema di potestà regolamentare del Comune;
  • l'art.4 del D.Lgs.23/11;
  • l'art.4 del D.L.50/2017 , così come modificato in sede di conversione dalla L.21/06/2017 n.96;
  • l'art.13 D.Lgs.471/97;

Considerato che:

- che con deliberazione consiliare del 22/12/2016, OdG n. 364/2016, PG n. 373159/2016, immediatamente esecutiva, è stato approvato il Documento Unico di Programmazione 2017-2019 (DUP). Sezione strategica e Sezione operativa e che con deliberazione consiliare del 22/12/2016 OdG n. 365/2016 PG n. 374002/2016, immediatamente esecutiva, è stato approvato il Bilancio di previsione 2017 - 2019 ;

Dato atto:
-che il contenuto del presente atto comporta riflessi sulla situazione economico-finanziaria dell’ente e che occorre, pertanto, apportare al Bilancio di Previsione 2017 - 2019 una variazione agli esercizi 2018-2019, la cui elaborazione é riportata nell'allegato facente parte integrante del presente provvedimento;
- che le suddette variazioni rispettano il pareggio finanziario e tutti gli equilibri di bilancio stabiliti dall'art. 162 del TUEL;
- nell'ambito degli obiettivi di finanza pubblica, del permanere del rispetto del pareggio di bilancio di cui alla L. 232/2016 - stabilità 2017, come da allegato prospetto dimostrativo;
- che con successivo provvedimento l'organo competente provvederà all'adeguamento del Piano esecutivo di Gestione 2017 - 2019 e dei programmi annuali di attività;

Preso atto:
  • ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica e contabile, espresso dal Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie;
  • del parere favorevole del Collegio dei Revisori, ai sensi dell'art. 239 del D.Lgs. 18.08.2000, n. 267;

Visto l'art. 42, comma 2, lettere b) ed f) del D. Lgs. 18/8/2000, n. 267;

Visto l'art. 175 del D. Lgs. n. 267/2000, il D. Lgs. n. 118/2011 e ss. mm.;

Sentite le Commissioni consiliari competenti;

Su proposta dell'Area Risorse Finanziarie;

DELIBERA

  1. DI APPROVARE le modifiche al “Regolamento dell'imposta di soggiorno nel Comune di Bologna” (approvato con deliberazione PG 1675/2012 e ss.mm.ii. apportando le modifiche di cui all'allegato A, che forma parte integrante e sostanziale di questa delibera;
  2. DI DARE ATTO che il testo integrato e coordinato con le modifiche di cui al punto precedente è quello che risulta nell'allegato B, in atti;
  3. DI DARE ATTO che, per le motivazioni esposte in premessa, la predetta modifica al citato Regolamento avrà efficacia a decorrere dalla sua esecutività.
4. DI APPORTARE, per i motivi esposti in premessa, al Bilancio di previsione 2017 - 2019, le variazioni agli esercizi 2018 e 2019 di cui agli allegati facenti parte integrante del presente provvedimento




Documenti allegati - parte integrante

File Name
allegato A delibera IdS 20 luglio 17.pdf
Var Consiglio PG 217679_2017.pdf
Prospetto_Pareggio_Bilancio PG 217679_2017.pdf